PRINCIPI ETICI – DIGA “GHOSTWRITING”

  1. Una delle prove principali della correttezza etica degli autori del materiale presentato per la pubblicazione nel trimestrale “Civitas et Lex” è rivelazione delle informazioni circa i soggetti che hanno contribuito nella preparazione del testo (contributo sostanziale, finanziario ect). Ciò è una manifestazione delle buone abitudini (buone maniere) e di una responsabilità sociale.
  2. La redazione obbliga gli autori di rivelare il contributo dei terzi nella preparazione del lavoro – affiliazioni incluse, cioè chi è l’autore del concetto, delle ipotesi, del metodo, come anche di rivelare le fonti economiche utilizzate nella preparazione, il contributo delle istituzioni di ricerca scientifica, associazioni, l’identità degli eventuali altri soggetti (financial disclosure). Nel caso l’autore non lo dovesse fare personalmente nel proseguimento del lavoro si chiede di compilare e mandare via e-mail nel formato PDF oppure inviare per posta all’indirizzo della Redazione una dichiarazione (guardare sotto) di cui il testo verrà pubblicato insieme all’articolo.
  3. Ogni scoperto caso della “ghostwriting” e della “guest authorship” verrà smascherato e documentato, notifica alle istituzioni datori del lavoro degli autori, società scientifiche, società editoriali, ect, inclusa.